English

TuttoPress

vai alla pagina dell'annuario 2017Ó/></a>
            	<a href=vai alla pagina della rivista vai alla pagina della rivista vai alla pagina della rivista vai alla pagina della rivista

CERCA TRA LE NEWS:


Geuze Discovery Box - 06/02/2018
Chiunque abbia il piacere o la fortuna di visitare Brouwerij Boon conosce la passione e la cura che dedicano ai loro 158 “foeders”, le enormi botti di rovere in cui matura la loro birra. Ognuna di esse dona al Lambic caratteristiche e qualità diverse, a seconda del tipo di botte, della sua forma e soprattutto dell’età e la sua storia. Le Oude Geuze sono solitamente dei blend, composti da miscele di Lambic provenienti da botti diverse. La loro differenza è talmente marcata da rendere fondamentale uno studio attento e costante di un team di degustatori, guidati da Frank Boon e dal figlio Jos. Nel 2013, per evidenziare la straordinaria importanza e unicità delle botti, Frank Boon ha deciso di creare per la prima volta una Oude Geuze con il 90% di Lambic proveniente da una singola botte. Il restante 10% è Lambic giovane, fondamentale per innescare la rifermentazione in bottiglia. Il risultato prese il nome di Oude Geuze VAT 44 la prima “monoblend” di Brouwerij Boon. Il grande successo di questa straordinaria Oude Geuze fu seguito negli anni successivi da VAT 77 (2014), VAT 79 (2015) e VAT 109 (2016). Quest’anno Brouwerij Boon ha prodotto quattro nuove VAT e le ha inserite in un Geuze Discovery Box, per poterle confrontare e degustare in compagnia e scoprire, guidati da un manuale, tutti gli aromi e i profumi che le caratterizzano e il differente apporto del legno su ognuna di esse. • Oude Geuze Boon Vat 91. Sottile ed elegante, l’esempio perfetto di una Oude Geuze delicata. Lieve, rotonda, dal corpo pieno, complessa e bilanciata. • Oude Geuze Boon Vat 92. Oude Geuze con un corpo pieno, complesso, con note di spezie e affumicate, date dal legno di rovere di cui è composto il foeder. • Oude Geuze Boon Vat 108. Oude Geuze con note vinose e un carattere deciso da birra matura, con un’inconfondibile, ma non predominante, acidità volatile. • Oude Geuze Boon Vat 110. Oude Geuze caratterizzata dalla ricchezza di aromi dati dai lieviti brett presenti nel foeder. Leggermente secca ma dal corpo pieno con note di vaniglia e frutta secca. All’interno del Geuze Boon Discovery Box è possibile trovare un libretto in lingua italiana che racconta il processo produttivo, le caratteristiche dei diversi foeders e alcuni consigli per versare e degustare correttamente una Geuze, il che lo rende perfetto per una serata tra amici o come regalo per i più appassionati.

Roma Whisky Festival - 06/02/2018
Il 3 e 4 marzo, presso il Salone delle Fontane all’Eur, a Roma, si terrà la 7ª edizione del Roma Whisky Festival by Spirit of Scotland, il più importante festival di settore italiano. Un evento ricco di degustazioni, masterclass, seminari sulla mixology, incontri affidati a esperti del settore con l’obiettivo di creare appuntamenti ad alto contenuto di “single malt”. Il tutto con la direzione artistica di Andrea Fofi, affiancato dai due whisky consultant, Pino Perrone e la scozzese Rachel Rennie. La settima edizione presenterà masterclass di noti brand e ospiti internazionali del mondo della miscelazione. Sarà consegnato inoltre il premio “Whisky & Lode”, che eleggerà i migliori whisky del festival. Tre le categorie: Best Scottish Malt, Best Rest of the World Malt e Best World Single Cask, con il premio speciale “Whisky & Smile” che sarà assegnato alla migliore bottiglia in assoluto. Si potranno degustare whisky dalla Scozia, Irlanda, Stati Uniti, Giappone e l’unico whisky prodotto in Italia. Novità: la nuova area dedicata ai Cognac e Armagnac.

A scuola di birra con lo sconto - 06/02/2018
Ricominciano i corsi di The Good Beer Society per gli appassionati di birra con alcune collaborazioni inedite. Fino al 12 marzo presso il Birrificio Italiano di Milano (via Ferrante Aporti 12) si terranno i corsi di Beer Lover, che verranno offerti con uno sconto del 10% alle socie dell’Associazione Le Donne della Birra e ai clienti di online di Ninkasishop.it. A loro volta, le corsiste potranno iscriversi all’Associazione Le Donne della Birra risparmiando 2€ sulla quota annuale (15€ per le appassionate, 25€ per le professioniste) e usufruendo dei servizi e delle convenzioni offerte. Per i corsisti interessati ad acquistare materiali dal sito Ninkasishop. it ci sarà ugualmente uno sconto del 10% presentando la fattura del corso. The Good Beer Society organizza per gli appassionati di birra corsi di formazione, workshop di homebrewing, eventi, beer tour e beer experience. I corsi di formazione comprendono 3 moduli da svolgere in sequenza, ma indipendenti a livello contenutistico. Conseguendo il primo livello si diventa Beer Lover, approfondendo gli argomenti si acquista il titolo di Beer Expert e, per i cultori della materia c’è la certificazione di Beer Geek. Ogni corso è composto da 7 lezioni ed è previsto un esame al terzo modulo con rilascio del diploma, che consente di diventare degustatore ufficiale e relatore The Good Beer Society.

Quality Beer Academy: un successo al Brussels Beer Challenge 2017 - 06/02/2018
Certificato di Eccellenza 2017 per Estaminet Pils, accompagnato dalle medaglie d’oro per Palm, tra le Amber Ale, e Rodenbach Grand Cru tra le Flanders Red Ale e dalla medaglia d’argento Rodenbach Classic che mantiene il birrificio Rodenbach saldamente al comando della categoria anche con il nuovo restyling delle etichette. Tra le Geuze, ha conquistato il Certificato d’Eccellenza anche Brouwerij Boon con la sua Geuze Boon Mariage Parfait confermandosi a pochi giorni dal lancio di Geuze Discovery Box e dei nuovi monoblend. Non solo Belgio, anche BraufactuM (Germania) e Firestone Walker (USA) sono saliti sul palco di uno dei più prestigiosi concorsi birrari al mondo, giunto quest’anno alla sua 85sima edizione. BraufactuM conquista due medaglie con Darkon, medaglia d’argento tra le scure a bassa fermentazione e Palor medaglia di bronzo tra le Pale/Amber Ale. BraufactuM Darkon è una Schwarzbier, una birra nera a bassa fermentazione con aromi tendenti al caffè e al cioccolato, perfettamente aderente a uno stile che appartiene da secoli alla tradizione tedesca. BraufactuM Palor è una Pale Ale, la prima a essere luppolata a freddo con il Polaris, varietà di luppolo sviluppata dal Centro Ricerche sul Luppolo di Hüll e rilasciata nel 2012, caratterizzata per le sue forti note di menta. Firestone Walker, oltre a essere rivelazione internazionale con la sua nuova Italian Grape Ale Feral Vinifera, ha conquistato ben due medaglie di bronzo con Pivo Pils e Union Jack. Firestone Walker Union Jack è una India Pale Ale, stile West-Coast con un anima british portata dall’inglese David Walker, uno dei fondatori del birrificio. Quality Beer Academy, il progetto di Radeberger Gruppe Italia per premiare i valori della birra, ancora una volta annovera alcune tra le migliori birre con riconoscimenti unici ed esclusivi e offre in Italia la più completa esperienza gustativa in fatto di birra.

Birre personalizzate da Simon & Co. Brewery - 06/02/2018
Prodotti con etichette personalizzate da Simon & Co. Brewery, nuovo microbirrificio della provincia di Catanzaro aperto da Luigi Masciari dopo 20 anni di attività con il Simon Pub e un diploma di Biersommelier Doemens. Forte della sua esperienza con il locale, Luigi Masciari, che ha dato vita ad Andali, nella Pre-Sila catanzarese, a un birrificio artigianale per la produzione di birre senza conservanti, non pastorizzate, non filtrate e rifermentate in bottiglia, è sicuro di offrire ai suoi clienti publican una proposta altamente distintiva e caratterizzante. La gamma comprende La Blonde (5,5%), una chiara dai leggeri aromi agrumati e fruttati, Zes (5%), una scura dagli aromi tostati di caffè cioccolato e liquirizia, Victory (6,5%), un’ambrata ispirata alle IPA d’oltreoceano, Bardh (5%), una birra di frumento con note agrumate e speziate, Andali Pale Ale (5,5%), una Ale americana con note amare accentuate, e Ambrée (7%), un’ambrata con aromi e sapori di frutta matura.

I graffiti Pabst Blue Ribbon a Milano - 06/02/2018
Sette le location messe a disposizione dal Comune di Milano e decorate dai graffiti a tema Pabst Blue Ribbon, eseguiti nel corso del 2017 da “The Pabst Crew”. I muri sono stati taggati con la fantasia della giovane crew di Milano guidata da Amedeo Malfetti, come il disegno “Mad snake”, in zona Bicocca, “Playbill” in via Melchiorre Gioia, “P-rex” in zona Garibaldi, “Firefighters” in via Palmanova zona Cascina Gobba e “Perspective”, presso il Parco delle memorie industriali. I più recenti sono stati quello di Halloween chiamato “The creepy beer”, eseguito in via Plezzo e quello di Natale “Merry Christmas drinkers”, eseguito sui muri all’esterno dello storico centro sociale del Leoncavallo. Pabst Blue Ribbon, importata e distribuita da Biscaldi di Genova, è oggi la birra preferita dai “millenials” americani. Le fondamenta del marchio sono, infatti, la musica, l’arte e lifestyle. Pabst è un marchio con una forte tradizione che si presenta però fresco e coinvolgente per un pubblico di giovani adulti. Le opportunità di legare con il mondo “urbano” degli skaters, bmxers, dj, rock band e graffitari sono infinite.

CRAFT BEER ITALY si conferma piattaforma internazionale b2b per la birra artigianale - 06/02/2018
CRAFT BEER ITALY si è conclusa con un grande successo e ha mantenuto la promessa: essere il primo evento in Italia dedicato al mondo b2b della birra artigianale, incentrato sulla formazione e la conoscenza scientifica. CRAFT BEER ITALY è stata per due giorni, infatti, il punto nevralgico del mondo della birra artigianale: chi vi si affaccia, vi opera e vive questo settore in crescita si è potuto incontrare e confrontare. Un evento quindi che rappresenta a tutti gli effetti una piattaforma di conoscenza unica per chi vuole aggiornarsi e arricchirsi su tematiche scientifiche relative alla produzione della birra artigianale. In totale 670 operatori professionali hanno visitato l’evento dal 22 al 23 novembre, molti dei quali hanno anche partecipato al ricchissimo programma di conferenze che, grazie alla cura dei due partner di rilevanza internazionale, Doemens di Monaco di Baviera e VLB di Berlino, hanno superato ogni aspettativa. Molti interventi hanno registrato il tutto esaurito, grazie proprio al successo delle tematiche trattate che spaziavano dall’analisi sensoriale, alle materie prime fino al riempimento con bottiglie e lattine e al packaging di alta qualità. La stretta collaborazione con Unionbirrai è stata fondamentale per l’ottimo esito del CRAFT BEER ITALY. In effetti, ha contribuito con tre convegni su temi molto attuali e particolarmente seguiti dal pubblico. Da sempre quest’associazione si spende per tutelare e promuovere la birra artigianale italiana. Proprio per questo la Taste it! Area... non la solita birra (no ordinary beer) gestita dai Beer Taster di Unionbirrai è stata una delle protagoniste dell’evento e per far fronte all’elevata richiesta da parte degli operatori presenti i momenti di degustazione sono stati suddivisi tra la mattina e il pomeriggio. Le birre da degustare sono state prodotte appositamente per l’occasione dai birrifici Batzen, Beer In, Birrificio Valdarno Superiore, Elvo, Foglie d’Erba, Lariano e Un Terzo. Gli espositori complessivi sono stati 54, di cui il 28% provenienti dall’estero, e hanno presentato le ultime tecnologie di processo, materie prime e prodotti di marketing. Prossimo appuntamento il 27 e 28 marzo 2019, sempre a Milano, ma in una nuova sede.

Birra Antoniana è una delle 100 eccellenze italiane - 21/12/2017
Il “Premio 100 eccellenze italiane” vuole dar valore e rilievo a quelle realtà del complesso tessuto economico italiano che tengono alto il nome del Made in Italy in Italia e nel mondo. Ad aprire gli onori di casa, è stato il Professor Antimo Cesaro, Sottosegretario di Stato al MiBACT, il quale ha dichiarato che “eccellere significa andare oltre il talento, e raggiungere gli obiettivi non dovrebbe essere questione di merito bensì la normalità, superarli rientra invece nel dominio dell’eccellenza”. Tra le 100 eccellenze italiane a essere state premiate e citate nel volume, si è distinto anche il Birrificio Antoniano Società Agricola, per l’impegno dedicato all’esportazione del gusto italiano all’estero, in particolare in America e Giappone, ma anche per il riconoscimento ottenuto all’International Beer Challenge di Londra, importante competizione internazionale che ha visto il birrificio aggiudicarsi il titolo di European Brewer of the Year 2017.

Hopt.it, in Italia il piĂš grande sito ecommerce di birre artigianali - 21/12/2017
Hopt.it, la startup specializzata nell’ecommerce di birre artigianali, sbarca in Italia. Con un ampio assortimento di prodotti provenienti da tutto il mondo www.hopt.it offre ai beer lover italiani l’expertise di un nutrito team di giovani sommelier della birra con curriculum internazionali che, recandosi direttamente presso birrifici in ogni parte del mondo, hanno selezionato le migliori referenze per un’esperienza unica e straordinaria. Negli ultimi dieci anni l’interesse verso il mondo delle birre artigianali ha vissuto una crescita esponenziale che ha portato gli appassionati, in Europa e in Italia, a ricercare birre sempre più di nicchia e al di fuori dei circuiti di distribuzione convenzionali, documentandosi sui birrifici e sulle composizioni organolettiche dei differenti tipi di birra. L’origine di questa sempre crescente ricerca di nuove esperienze gustative, è da ricercarsi nel grande incremento dell’offerta che ha visto una vera e propria moltiplicazione dei birrifici specializzati in birre artigianali: i microbirrifici, negli ultimi 7 anni, sono passati da 4.000 a oltre 7.000 in tutta Europa. Il catalogo di Hopt.it annovera più di 1.500 birre provenienti da 20 Paesi differenti e da 100 birrifici diversi. Grazie alle facilitazioni tipiche dell’ecommerce i clienti italiani possono esplorare lo squisito mondo delle birre artigianali e assaggiare prodotti provenienti da continenti lontani, con un click nel comfort di casa propria.

La prima birra brûlé d’Italia - 21/12/2017
La prima birra brûlé d’Italia è stata ideata da Osiride Luce Chiaradia che l’ha proposta per la prima volta in Lungadige San Giorgio a Verona durante i mercatini di Natale dal 30 novembre al 26 dicembre 2017, in una casetta di legno. È stata una vera novità per gli amanti della birra, proposta in un’oasi invernale festosa. Una volta avuta l’intuizione ha iniziato a ricercare vecchie ricette di origine scandinava di fine 1400 e altre polacche, per poi iniziare le sperimentazioni, fino a giungere al risultato finale. Osiride Luce è partita da una birra artigianale, a cui ha aggiunto le altre materie prime (ad esempio cannella e noce moscata): et voilà, la birrosa bevanda calda era pronta per essere bevuta. Riuscire a ottenere la birra artigianale di qualità non è stato difficile ha commentato la Chiaradia, «giacché mio fratello Enrico e mio padre Mario hanno in Friuli un birrificio (ZAGO) raro in Italia: seguono tutta la filiera di produzione della birra, dalla coltivazione dell’orzo, alla produzione del luppolo. La ricetta poi l’ho creata io». La sua postazione in Lungadige San Giorgio poi, non era una semplice casetta di somministrazione ma una raccolta di alcuni dei suoi progetti (food & beverage): dal primo panettone alla birra al mondo, inventato da Osiride Luce nel 2007 per ZAGO alle marmellate di birra, ottime per accompagnare formaggi, lievitati o come ingrediente per dolci sfiziosi ecc.

Pagine totali: 75 [1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 ]