TuttoPress

vai alla pagina dell'annuario 2017Ó/></a>
            	<a href=vai alla pagina della rivista vai alla pagina della rivista vai alla pagina della rivista vai alla pagina della rivista

CERCA TRA LE NEWS:


Premio Birra Moretti Grand Cru 2017 - 28/09/2017
Fondazione Birra Moretti ha svelato i nomi dei dieci chef emergenti che, il prossimo 6 novembre, si sfideranno, a Milano, nella settima finale del Premio Birra Moretti Grand Cru, la più importante piattaforma di talent scouting italiana per chef under 35, realizzato in collaborazione con Identità Golose. Tanti i giovani che, anche quest’anno, hanno deciso di mettersi in gioco proponendo una o più ricette con una delle 18 birre della famiglia Birra Moretti in ricettazione e in abbinamento. Ecco i nomi delle 10 promesse della cucina italiana in gara che si sfideranno cucinando live davanti a una giuria pluristellata, nella fase finale del concorso: Nicholas Bonati classe 1986, chef del ristorante Olina, Orta San Giulio (No) con “Anatra, liquirizia e birra”; Andrea Congiusta classe 1996, chef del My.Ale Club, Roma con “Pasto rurale”; Marco De Bastiani classe 1994, sous-chef del Ristorante 1908 Park Hotel Holzner, Soprabolzano (Bz), con “Spaghettino freddo con birra, fieno, nasturzio, cuore e rapa rossa”; Alessio Gallelli classe 1995, pastry-chef de I Fontanili, Gallarate (Va), con “Meringata alla birra, frutti di bosco e squacquerone”; Francesco Giuliano classe 1982, chef del Bar Gelateria del Molo, Porto Rotondo (Ot), con “La quaglia e la birra”; Solaika Marrocco classe 1995, chef del Primo Restaurant, Lecce (Le), con “Turcinieddhi glassati alla birra con marmellata di cipolla all’arancia, critmi in tempura e infuso di luppolo”; Luca Pellizzon classe 1995, sous-chef del Ristorante Vescovo, Noale (Ve), con “Raviolini di gallina, biancoperla al fieno e brodo al saor di mela”; Giorgio Puleo classe 1987, sous-chef del ristorante Il Portico, Appiano Gentile (Co), con “Birra Moretti Grand Cru e Birra Moretti Grani Antichi, cavedano arrosto, cagliata di mandorle, alga combu, shiitake, midollo, daikon e centrifugato di ruta”; Simone Tascone classe 1992, sous-chef del Koinè Restaurant, Legnano (Mi), con “Insalata di mare alla siciliana”; Marco Volpin classe 1986, chef de Le Tentazioni, Villatora di Saonara (Pd) con “Lingua, scampo e radici”. I finalisti sono stati selezionati, in forma anonima, da una giuria tecnica composta da Paolo Marchi, ideatore e promotore di Identità Golose, Matteo Ghiringhelli, direttore di sala e chef sommelier di Iyo (1 stella Michelin) e Giancarlo Morelli, Chef del Pomiroeu (1 stella Michelin), tra i 163 concorrenti che hanno accettato la sfida e inviato la loro ricetta originale con Birra Moretti. In palio, per il vincitore, un premio del valore di 10mila euro a scelta fra un viaggio, per due persone, in ristoranti di cucina d’autore dove potranno confrontarsi con chef pluristellati, in un percorso che arricchirà il loro bagaglio formativo. In alternativa, una fornitura di attrezzature professionali per la cucina. La commissione giudicatrice assegnerà anche due menzioni speciali legate alla miglior interpretazione della birra come ingrediente e alla miglior interpretazione della birra come abbinamento. Dall’11 settembre fino alla mezzanotte del 2 novembre anche il pubblico potrà scegliere la propria ricetta preferita, votando sull’apposito mini-sito all’interno della piattaforma www.identitagolose.it e partecipare così all’estrazione di una cena, per due persone, in un ristorante di cucina d’autore. Il giorno della finale, verrà assegnato un premio speciale al giovane chef il cui piatto avrà saputo catturare, più di tutti, i gusti del pubblico.

La bella Bianca è arrivata nel Paese con i Baffi - 28/09/2017
Nel Paese con i Baffi c’è aria di festa per l’arrivo della bella Bianca, protagonista del quarto episodio della storia tutta italiana di Birra Moretti, raccontata nel nuovo spot on air da domenica 27 agosto. La bella del Paese viene accolta con gioia e ammirazione dagli abitanti, trepidanti e in attesa di ricevere un suo cenno. Bianca esamina le spighe del frumento e solo quando saranno arrivate a maturazione, scioglierà i suoi lunghi capelli biondi. È arrivato il momento, anche l’ultimo ingrediente è pronto per Birra Moretti La Bianca, la weiss all’italiana prodotta con malti 100% italiani: 50% malto d’orzo e 50% malto di frumento. Baffo Moretti, cantastorie di ogni vicenda, accompagna il cammino degli abitanti che li porterà ad assaporare, tutti insieme, la weiss di Birra Moretti: ad alta fermentazione, una birra dal colore chiaro e naturalmente torbido che incontra i gusti di tutti. E lo dimostrano i riconoscimenti di quest’anno: Birra Moretti La Bianca è stata eletta “Prodotto dell’anno 2017” da parte dei consumatori, oltre a essersi aggiudicata il primo posto nella categoria “Alcolici e Birre” al Brands Award 2017. Il borgo del Paese con i Baffi continua a essere cornice e protagonista di una nuova avventura in cui lo spettatore viene accompagnato a conoscere la tradizione italiana di Birra Moretti, inconfondibile e riconosciuta in tutto il mondo. E ancora una volta è la campagna ideata da Armando Testa a raccontarne le splendide atmosfere.

La Trappe trionfa allo European Beer Star - 28/09/2017
L’edizione numero quattordici dello European Beer Star è andata in archivio con l’impressionante record di 2.151 birre partecipanti, provenienti da ben 46 nazioni, a conferma dell’importanza di questa manifestazione nel panorama birrario mondiale. Una selezione lunga, una concorrenza preparatissima, tanti nuovi birrifici alla ricerca di un posto al sole, eppure la grande tradizione del birrificio trappista olandese La Trappe ha pagato ancora una volta. Anzi, due. Tante sono, infatti, le medaglie d’oro conquistate da La Trappe allo European Beer Star 2017. La prima è nella categoria “Belgian-Style Blond Ale” e porta la firma dorata di La Trappe Blond, birra dal colore biondo intenso che combina una dolcezza fruttata con un retrogusto piacevolmente secco, elegantemente luppolato. La seconda medaglia d’oro ottenuta dai trappisti olandesi è nella categoria “Belgian- Style Dubbel” grazie, ovviamente, a La Trappe Dubbel. Colore rosso rubino, la Dubbel conquista la giuria grazie all’ottimo equilibrio tra gli aromi di frutta matura e un inebriante profumo di lievito. Il corpo è piuttosto strutturato e la degustazione finisce in un appagante finale, molto persistente. Nuovi motivi per festeggiare in casa Interbrau, importatore italiano del birrificio trappista olandese.

Birra Antoniana risplende con tre ori all’International Beer Challenge 2017 - 28/09/2017
Dopo i positivi bronzi e argenti collezionati al proprio debutto, avvenuto nella scorsa edizione, quest’anno il birrificio agricolo padovano si aggiudica ben tre medaglie d’oro! Esse portano il nome di Birra Antoniana Marechiaro, nata dalla collaborazione con l’Associazione Verace Pizza Napoletana, Portello, golden ale già nominata Miglior Birra Italiana del 2016 da Federbirra, e Pasubio, pilsner erbacea, agrumata e dissetante. Le tre specialità conquistano così il titolo di migliore birra nella propria categoria di stile. Lo standard delle birre che hanno preso parte alla competizione è stato molto alto, ma Birra Antoniana ha ben difeso la reputazione del made in Italy, portando a casa, oltre alle tre medaglie d’oro, anche tre medaglie d’argento e tre di bronzo. Nello specifico, nella categoria “Tasting”, Birra Antoniana Altinate, Borgo Della Paglia e La Torlonga si sono aggiudicate la medaglia d’argento; seguono con la medaglia di bronzo Birra Antoniana Eremitani, Ponte Molino e Ai Tadi. Inoltre, da poco sono stati rivelati i risultati dei World Beer Awards, e anche qui Birra Antoniana ha fatto incetta di medaglie. Birra Antoniana Stile Vienna, Pasubio ed Eremitani si aggiudicano il podio come le migliori birre italiane nel proprio stile. Birra Antoniana ai Tadi conquista l’argento nella categoria birre bianche in stile belga e la Ponte Molino il bronzo nella categoria saison.

Terza edizione dell’iniziativa promossa da AB InBev - 28/09/2017
In occasione della giornata mondiale dedicata al consumo responsabile della birra, AB InBev Italia, leader mondiale nella produzione di birra, presenta le “Dieci idee per bere birra”, brevi consigli per capire come avvicinarsi alle bevande alcoliche in modo responsabile seguendo due principi: rispetto e consapevolezza. Sviluppati in collaborazione con Claudio Cippitelli, sociologo esperto di consumi, fenomeni e culture giovanili, i dieci consigli si svolgono lungo un percorso che privilegia la presa di coscienza e lo sviluppo dell’autoconsapevolezza come strumenti guida. Punto di partenza di questo percorso è il valore di un prodotto come la birra. Così come è importante avere attenzione per quella catena di relazioni e interdipendenze che dal singolo porta al gruppo (gli amici, la compagna o il compagno) e infine al mondo intorno a noi. I suggerimenti di AB InBev sul modo per bere birra in modo consapevole, oltre a proporre come snodo chiave la consapevolezza individuale, si caratterizza con un elemento di novità distintivo. Le dieci idee sono state, infatti, sviluppate e approfondite in tre versioni differenti, pensando cioè a interlocutori con necessità e approcci radicalmente diversi. AB InBev si rivolge quindi in prima istanza ai giovani, ma non dimentica gli altri attori coinvolti e coinvolgibili nello scenario della promozione del consumo responsabile. Gli stessi messaggi vengono quindi riformulati come indicazioni utili per genitori e insegnanti, facendo così emergere bene le naturali, ma spesso non così esplicite, differenze nel punto d’osservazione e nelle argomentazioni. Le “Dieci idee per bere birra” nascono da uno studio condotto da AB InBev sul territorio. L’azienda ha realizzato nei mesi scorsi alcune interviste su un panel di circa 400 giovani, per raccogliere la loro posizione in tema di abuso di bevande alcoliche. Sulla scorta delle risposte fornite dai consumatori sono state sviluppate le dieci idee. Il Global Beer Responsible Day è il modo scelto da AB InBev per comunicare ogni anno il proprio impegno. Il 15 settembre i dipendenti di AB InBev erano in piazza a Milano per coinvolgere i giovani consumatori, condividere con loro i dieci punti e mostrare quali rischi comporta nella realtà quotidiana il mancato rispetto del consumo moderato.

Rodenbach Caractère Rouge: la birra ideale per momenti speciali - 28/09/2017
Uno dei prodotti di punta di Rodenbach è una birra a fermentazione mista, maturata 100% per due anni in botti di rovere. Si tratta di Rodenbach Caractère Rouge ed è di nuovo disponibile in fusti da 20 litri. Secondo RateBeer.com, sito che raccoglie le opinioni di consumatori ed esperti, è una delle birre più apprezzate al mondo con 100/100 punti in ogni categoria. Rodenbach Caractère Rouge è una birra con un corpo fresco e un gusto particolare che la rendono perfetta per essere abbinata con piatti speciali, come crudo di gamberi, salmone marinato, linguine con gamberi crudi e menta, crema catalana, cheesecake con frutti rossi, crostate con frutti rossi. Rodenbach Caractère Rouge è anche una birra perfetta per l’abbinamento con i formaggi. Scopritelo nei “Percorsi tra birre e formaggi”, online sul canale YouTube di Quality Beer Academy. Rodenbach Caractère Rouge è una birra perfetta, insomma, per celebrare momenti speciali.

L’Horeca Street Club di Partesa vince i Promotion Awards 2017 - 28/09/2017
In occasione dei Promotion Awards, promossi da Promotion Magazine, Partesa ha ottenuto un importante riconoscimento nella categoria “Club/ Community per settori diversi dal retail food” per il progetto Horeca Street Club. I Promotion Awards premiano le migliori campagne promozionali italiane dell’ultimo anno, con l’obiettivo di diffondere la cultura del marketing di relazione in Italia, valorizzando le best practice e i risultati più importanti. Fra le migliori campagne promozionali, quindi, emerge Horeca Street Club, un progetto di fidelizzazione ideato da Partesa e attivo dal 2009. All’interno del nuovo sito www.partesa.it è possibile iscriversi al Club nella sezione dedicata. In questo modo, i clienti Partesa possono accedere a offerte riservate, partecipare a un numero crescente di attività ed essere informati per primi su eventi, corsi e iniziative dedicate ai gestori di punti di consumo. Misura del successo dell’iniziativa, l’incremento costante delle membership: a oggi, si è iscritto al club più del 15% della clientela totale. In un mercato complesso come quello della distribuzione di bevande, è incoraggiante sapere di poter contare su clienti con cui si è instaurato un rapporto solido e duraturo nel tempo. La giuria, costituita da professionisti di alto profilo, è stata chiamata a valutare le candidature in base a 4 criteri: obiettivo e sua declinazione nel progetto creativo; originalità e innovazione del concept creativo e della meccanica; coerenza intrinseca di tutto il progetto (meccanica, supporti di comunicazione, premi) con il target e gli obiettivi della campagna; selezione del target (criteri, misurazione, rilevanza per l’azienda), gestione del target (retention, dialogo, customer care). Per Partesa questo premio è solo l’ultimo attestato della qualità e del successo di una strategia di marketing che si traduce in progetti “tailor made” per i propri clienti e partner.

EXPO RIVA dal 4 al 7 febbraio 2018 - 28/09/2017
I preparativi della 42a Expo Riva Hotel in programma dal 4 al 7 febbraio 2018 nel quartiere fieristico di Riva del Garda (Tn) ripartono dall’importante traguardo ottenuto nel 2017 con il raggiungimento dei 25.000 visitatori ma, ancor più, dal numero di aziende che hanno già confermato la loro partecipazione alla prossima edizione, pari al 40% del totale e in gran parte composto da espositori “storici”. Per la 42a edizione è rimasta invariata la suddivisione dell’offerta espositiva in quattro aree tematiche: Indoor & Outdoor Contract, Food & Equipment, Coffee & Beverage, Eco Wellness & Technology. Expo Riva Hotel 2018 presenta un’importante novità. Dopo l’esito positivo della passata edizione, i tre progetti speciali Expo Riva Hotel Academy, RPM – Riva Pianeta Mixology e Solobirra cambieranno padiglione, con un ampliamento dei propri spazi sia espositivi sia formativi. Il nuovo padiglione sarà inoltre caratterizzato da un allestimento ideato e curato da giovani designer e da una grafica d’impatto che accompagnerà il visitatore dalla hall d’ingresso sino al punto d’arrivo. Questo riposizionamento rispecchia il ruolo da protagonista che la formazione – a cura di esperti dell’ospitalità, dei migliori bartender italiani e dei sommelier della birra più noti – gioca durante Expo Riva Hotel. In collaborazione con Teamwork, società specializzata in consulenza alberghiera, lo scorso anno è nata Expo Riva Hotel Academy: una serie di seminari che si tengono in occasione dell’evento di Riva del Garda e numerosi workshop itineranti.

Kriek Boon: dall’aperitivo al dolce, la birra perfetta - 28/09/2017
La storia delle birre a fermentazione spontanea è sopravvissuta anche grazie alla Kriek, una birra più facile e beverina rispetto alle altre. Kriek Boon è una base Lambic, in cui vengono lasciate in macerazione fermentativa 250g/l di amarene fresche del tipo “griotte”, per 6 mesi o finché il nocciolo non si dissolve completamente. È una birra perfetta per ogni momento della giornata, anche come aperitivo: qualche cubetto di ghiaccio e un paio di foglie di menta possono rendere la birra ancora più fresca e dissetante. Dopo l’aperitivo può essere un ottimo accompagnamento per caprini freschi, branzino o orata al sale fino al dessert con una panna cotta o uno spiedino di frutta. Oggi Kriek Boon è disponibile in tiratura limitata, per pochissimo tempo, in fusti da 20 litri oltre ai classici formati in bottiglia.

Birra Collesi: l’artigianale di Apecchio da oggi è la più premiata nel mondo - 28/09/2017
Ha sbaragliato 1.900 competitor provenienti da 36 diversi Paesi conquistando il primo posto al “World Beer Awards 2017”. L’ultimo successo di Tenute Collesi, assegna al micro birrificio di Apecchio, nel cuore delle Marche, il titolo di produttore di birra artigianale italiana più premiato nel mondo. La medaglia che ha consacrato definitivamente Tenute Collesi nella “hall of fame” dei produttori di birra artigianale è stata conferita dalla giuria internazionale del concorso di Londra nella categoria più importante, quella che stabilisce le migliori birre, suddivise per stile. È così che, nel “Belgian Style Dubbel”, la Ubi Collesi, la rossa non pastorizzata a rifermentazione naturale in bottiglia, dal gusto dolce, caratterizzato da intensi profumi e aromi di caramello, malto e nocciole con note speziate, ha stravinto sugli altri competitor. «È il completamento perfetto di una stagione di successi» ha aggiunto Collesi che, nelle scorse settimane, si è portato a casa anche 3 prestigiose medaglie “americane”. Il “World Beer Championships 2017” di Chicago promosso da Tasting.com ha decretato la Ubi prima nella categoria Rossa Belgian-Style Amber Ale. Una medaglia d’oro a cui si sono aggiunte l’argento della Alter – categoria Bionda Belgian-Style Blonde Ale – e quella di bronzo per la Triplo Malto categoria “Belgian-Style Specialty Ale”.

Pagine totali: 65 [1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 ]